home > architetture

Architetture

MADARCHITETTURA. Flexy. Tra cielo e terra



  Abbiamo focalizzato l'attenzione sul problema della flessibilità all'interno degli ambienti di lavoro, quindi sulla possibilità di ottenere spazi e ambienti diversi nel minor tempo possibile, adattandosi alle diverse esigenze del luogo ufficio. La suggestione derivata dal tema di concorso ha condotto la scelta su un semplice sistema composto da più elementi che consentano massima libertà di movimento e di disposizione all'interno dello spazio dell'ufficio.



Gli elementi di progetto si dividono in due gruppi: l'elemento di cielo e l'elemento di terra. "L'elemento di cielo" è composto da un rotolante modulare di dimensioni cm70x70, fissato al controsoffitto tramite un perno centrale che gli consente di ruotare di 360 gradi, contenente un telo capace di suddividere lo spazio in ambienti diversi. All'estremità inferiore del telo è presente una barra calamitata che andrà a combinarsi con l'elemento di terra.





"L'elemento di terra" è un pannello molto sottile e flessibile, rivestito di materiale plastico ad alta elasticità e contenente all'interno delle barre di acciaio armonico. Il pezzo è "ancorato" al suolo tramite una barra calamitata, fissata al pannello di pavimentazione tramite un perno centrale che le permette di ruotare su se stessa di 360 gradi e quindi di assumere varie posizioni nello spazio.

Lungo l'estensione dell'elemento sono presenti altre tre barre calamitate che, combinate insieme, permettono all'oggetto di assumere diverse conformazioni spaziali: dalla semplice seduta, a elemento divisorio e infine a elemento di separazione tra postazioni, andando ad ancorarsi al soffitto con lo stesso principio dell'attacco a terra oppure componendosi con l'elemento di cielo.



La pavimentazione e il soffitto dell'ufficio potranno essere in legno o in altri materiali. Indicativamente, gli elementi che li compongono potranno avere dimensioni di cm70x70 o diverse, dovranno essere perimetrali da una struttura metallica e avere la sede per l'inserimento del perno centrale che permette all'oggetto di ruotare.

Il piano del grattacielo, inserito il pavimento e il controsoffitto predisposti, e grazie all'introduzione di questi semplici elementi, si potrà trasformare in un luogo di lavoro, flessibile, alternativo e variabile in molti ambienti e forme differenti in pochi minuti. Il sistema è applicabile a qualsiasi spazio di lavoro.

MaDarchitettura
info@madarchitettura.com
[13mar2006]
MADARCHITETTURA. Flexy. Tra cielo e terra

Progetto elaborato in occasione del concorso internazionale di idee SKY OFFICE (tema: Renzo Piano London Brg Tower, 62. piano). Proposta selezionata.
MaDarchitettura (Laura Masiero, Lorenzo Dalla Pria) è un gruppo di progettazione costituitosi nel 2002 all'interno dell'Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV) in occasione del Concorso Internazionale di idee Piazza il Progetto per la riqualificazione di Piazza Rebaudengo e dell'area nei pressi del fiume Po, del quale risulta vincitore del primo premio. Lo studio, con sede a Padova, si occupa di tutte le scale del progetto di architettura, dalla scala urbana all'elemento di design, partecipando a numerosi concorsi nazionali e internazionali (tra i quali: Elemental Chile, Campus dei Licei, Sky Office Competition, Europan 8) ottenendo premi, segnalazioni e prendendo parte, con i suoi progetti, a numerose esposizioni ed iniziative legate alla promozione del progetto di architettura. MaDarchitettura collabora con studi di architettura, engineering, riviste di architettura, enti ed istituzioni, perseguendo una personale ricerca nel campo dell'architettura contemporanea basata sulla convinzione che l'architettura è il primo riferimento concreto del consistere umano nello spazio fisico e sociale.

> SKY OFFICE
> MADARCHITETTURA

architetture

Per candidare progetti
alla pubblicazione nella sezione
architetture vi invitiamo a contattare
la redazione di ARCH'IT


laboratorio
informa
scaffale
servizi
in rete


archit.gif (990 byte)

iscriviti gratuitamente al bollettino ARCH'IT news







Copyright DADA architetti associati
Contents provided by iMage