home > architetture

Architetture

SP10STUDIO/BAUKUH. Nuova biblioteca della Camera di Commercio di Genova in Palazzo Tobia Pallavicino



1. La nuova biblioteca della Camera di Commercio di Genova si colloca all'interno del palazzo Tobia Pallavicino, aggiungendosi al sistema di edifici per la cultura di strada nuova (tra cui i musei di Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e Palazzo Doria Tursi, la sede del Municipio presso Palazzo Tursi). Per inserire i nuovi spazi nel complesso programma di eventi che si sviluppa all'interno di questo sistema, è necessario che la nuova biblioteca appaia come luogo accogliente, accessibile, pubblico. Per questo motivo la nuova biblioteca dovrà mostrarsi all'interno di palazzo Tobia Pallavicino con chiarezza, rendendo evidente il suo ruolo urbano, pur all'interno dell'edificio esistente.

[19 gennaio 2010]


Il sistema di strada nuova sembra suggerire una strategia di intervento, fornendo interventi esemplari, che possono guidare la nostra proposta per la nuova biblioteca. Nell'immediato dopoguerra infatti, di fronte alle rilevanti distruzioni causate dai bombardamenti, Franco Albini e Franca Helg intervengono nei musei di Palazzo Bianco e Palazzo Rosso, facendosi mediatori tra il pubblico, gli edifici storici e gli oggetti esposti. Albini ed Helg non intervengono sugli spazi, semplicemente li disseminano di segni ed oggetti che ne suggeriscono possibili usi, ne sottolineano rapporti spaziali, definendo così un nuovo insieme di possibili relazioni.



  2. La storia del Palazzo di Tobia Pallavicino, poi Carrega–Cataldi, comprende differenti fasi di sviluppo e trasformazione. Il palazzo costruito tra il 1558 e il 1561 non possiede un cortile, e si apre su un giardino pensile affacciato su piazza del Ferro alla quota della sala detta "del Bergamasco", secondo l'articolazione distributiva documentata dalle incisioni del Rubens. Il giardino viene trasformato in cortile interno dai nuovi proprietari (Carrega) intorno alla metà del XVIII secolo. La quota del cortile viene così abbassata per coincidere con quella di piazza del Ferro e il giardino si trasforma in un grande vuoto interno, che unisce i differenti livelli dell'edificio. In questa fase il palazzo sembra letteralmente tradurre in casa la città, mostrando nella sua organizzazione interna le tracce della complessa situazione orografica e urbana in cui è collocato. Nel 1946 l'edificio viene restaurato dopo i danni procurati dai bombardamenti della guerra e si delinea l'assetto attuale del palazzo: la realizzazione di un nuovo solaio nel cortile alla quota di via Garibaldi (consentito dalla copertura vetrata del cortile messa in opera nella prima metà del XX secolo) divide quello che era un sistema spaziale unitario, separando gli ambienti di rappresentanza connessi a via Garibaldi da quelli accessibili da piazza del Ferro, che diventano, di conseguenza, un insieme di magazzini bui e di locali poco significativi.



Nel XVIII secolo l'offerta spaziale del palazzo appariva, quindi, più ricca e complessa dell'attuale. La sequenza degli spazi rappresentativi (ingresso, sala "del Bergamasco" e cortile) si sviluppava su più livelli, mettendo in comunicazione (anche visiva) le due quote degli ingressi su strada nuova e su piazza del Ferro. L'edificio sfruttava meglio le risorse legate alla sua posizione nella città, definendo un ricco paesaggio interno in cui accogliere i gesti quotidiani dei suoi abitanti. La realizzazione della nuova biblioteca della Camera di Commercio fornisce un'occasione per ottenere nuovamente la ricchezza e la complessità dell'impianto descritto nelle incisioni di M.P. Gauthier, e per ristabilire il legame tra il palazzo e la città che lo circonda.



3. Proponiamo di rimuovere il solaio che copre la sala centrale del piano fondi e costituisce l'attuale pavimento del cortile interno. Rimosso il solaio, si mostra la possibilità di utilizzare la sala centrale del piano fondi come stanza a cielo aperto (il cortile infatti è già coperto), illuminata naturalmente dall'alto, e accessibile direttamente dalla quota di piazza del Ferro.





La sala viene così occupata da una grande stanza quadrata, interamente rivestita di libri. La nuova stanza dei libri stabilisce una relazione con le grandi sale di lettura europee. Al di là delle sue dimensioni relativamente ridotte (un cubo di 7,50 m di lato), la stanza dei libri attribuisce alla collezione della biblioteca della Camera di Commercio un ruolo esplicitamente monumentale, adeguato al sistema urbano in cui si va ad inserire. Dalla quota superiore, provenendo da via Garibaldi, è possibile entrare nel Palazzo, attraversare la sala "del Bergamasco" e affacciarsi sulla stanza dei libri. In un sorprendente capovolgimento, una voragine di libri si apre al di sotto del cortile settecentesco. Il cortile appare letteralmente fondato sulla collezione di libri della Camera di Commercio.

baukuh+Sp10studio
(dalla relazione di progetto)



Sp10studio architetti associati inizia a Genova nel 2002 la propria attività professionale, da prima rivolta al restauro e al recupero edilizio, quindi alla realizzazione di edifici residenziali e commerciali, alla museografia, alla cura e all'allestimento di mostre, alla ricerca nell'ambito del progetto di spazi e ambienti pubblici. Dal 2008 i soci sono Carlo Bagliani, Vittorio Caponetto, Antonio Norero, Valter Scelsi. Tra le opere recenti un complesso residenziale a Novi ligure, una torre per uffici a Vado Ligure e l'allestimento della monografica "Fabrizio de Andrè, la mostra", Palazzo Ducale di Genova. Nel 2007, con il museo mineralogico di Brugnato (progettato con baukuh) vince il premio Intraluoghi. Il lavoro di Sp10studio è stato pubblicato dalla stampa nazionale, dalle riviste internazionali di settore e presentato in conferenze e workshop. Il volume "Sp10studio, quaderno dal Duemila" (Genova, 2008) raccoglie alcuni significativi risultati della ricerca e della produzione. La voce Sp10studio è presente nel dizionario biografico illustrato, catalogo al Padiglione Italia della X Biennale di Architettura di Venezia.

baukuh è un ufficio di architettura fondato nel gennaio 2004 da: Paolo Carpi, Silvia Lupi, Vittorio Pizzigoni, Giacomo Summa, Pier Paolo Tamburelli, Francesca Torzo e Andrea Zanderigo. baukuh ha sede a Genova. baukuh ha progettato e realizzato una serie di fontane pubbliche per alcuni comuni del basso Piemonte (marzo 2004), l'allestimento permanente per il pendolo di Foucault a palazzo della Ragione a Padova (aprile 2006), la casa Carpi (febbraio 2007) e due edifici per abitazioni a Tirana (ottobre 2009). baukuh ha vinto i concorsi per le residenze a Bakemabuurt (Amsterdam, novembre 2003), per il masterplan dell'isola di Csepel (Budapest, novembre 2003) e per l'area dell'ex gasometro (Pavia, dicembre 2006). Lavori di baukuh sono stati esposti alla III Biennale di Rotterdam e alla XI Biennale di Venezia e sono stati presentati in differenti istituzioni culturali italiane e internazionali, tra cui: 0047 Oslo, Cornell University, Domus Academy, FESTARCH, Hochparterre Buecherei Zurigo, Kunsthal Rotterdam, MAXXI Roma, Politecnico di Milano, TUM Monaco, Triennale di Milano, USI Mendrisio.

> FILES: LUNARDI. (BAUKUH+SP10STUDIO) = BK10BAUKUH

> BAUKUH
> SP10STUDIO

  ARCH'IT books consiglia:

Baukuh
"100 piante"
De Ferrari Editore, 2008
pp. 114, €15,00


acquista il libro online!

  Sp10studio
"Quaderno dal 2000"
De Ferrari Editore, 2008
pp. 112, €15,00


acquista il libro online!

architetture

Per candidare progetti
alla pubblicazione nella sezione
architetture vi invitiamo a contattare
la redazione di ARCH'IT


laboratorio
informa
scaffale
servizi
in rete


archit.gif (990 byte)

iscriviti alla newsletter gratuita di ARCH'IT
(informativa sulla privacy)







Copyright DADA architetti associati
Contents provided by Image