home

Playgrounds

Siamo alla ricerca di una nuova architettura, fuori dall'ambito disciplinare, dal mercato delle immagini e dai giochi di specchi.
Siamo alla ricerca di architetture che rifiutano modelli e linguaggi precostituiti per plasmarsi sulla complessità ed impermanenza del reale; architetture che diventando playgrounds traducono le regole del grande gioco di società cui appartengono in limiti, confini ed interfacce che si aprono all'azione perturbante e desiderante dell'individuo, costruendo un terreno fertile dove liberare un play complesso di trasformazione dello spazio costruito. Architetture processuali, costruite attraverso dinamiche collaborative e partecipative, piuttosto che dalla sintesi progettuale, e capaci di inserirsi in nuovi equilibri sociali ed ambientali; architetture interattive, per trasformare lo spazio vissuto in un sistema mobile capace di rispondere agli stimoli del suo abitante; o ancora, quando la massa inerte propria del costruito è l'unico e semplice elemento a disposizione, architetture informali, capaci di produrre spazi indefiniti aperti all'esplorazione e alla riappropriazione creativa, allentando i vincoli che tengono insieme forma e funzione... [continua >]

Il piccolo giardino di Calaf
Alberto Iacovoni
Piazza del nulla
Alberto Iacovoni
Nabito arquitectura
Una zattera fluttuante come piattaforma innovatrice
Gianfranco Bombaci
Space Fiction
Alberto Iacovoni, Marialuisa Palumbo
Città (in)compiute
Alberto Iacovoni
PLAYGROUND 04 : PLAYSCAPE
Lo spazio come res publica
ma0
PLAYGROUND 03 : Chioggia
Alberto Iacovoni, Alessandro Petti, Sabina Le Noci
PLAYGROUND 02 : il mar dei piccoli
Alberto Iacovoni
PLAYGROUND 01 : piazza Risorgimento, Bari
Alberto Iacovoni
> INTRODUZIONE

La sezione Playgrounds
è curata da
Alberto Iacovoni


laboratorio
informa
scaffale
servizi
in rete


archit.gif (990 byte)


iscriviti gratuitamente al bollettino ARCH'IT news







Copyright DADA architetti associati
Contents provided by iMage